L’Auser compie 10 anni e mette a disposizione della Residenza Protetta di via Cellini un mezzo attrezzato. Giovedì 8 novembre alle 15.30 doppia festa nella struttura di via Cellini.

L’Auser Volontariato (Autogestione servizi Onlus) già operante a livello nazionale e provinciale ha iniziato a muovere i primi passi nel 2002 quando i servizi sociali del Comune di Senigallia istituiscono il servizio di trasporto socio-sanitario in favore dei cittadini impossibilitati a muoversi in maniera autonoma nei luoghi  di cura e altro. L’Associazione ha iniziato con un solo mezzo diversificando nel corso degli anni i servizi prestati a favore di persone bisognose.

Tra le numerose attività la convenzione con il Comune di Senigallia per il trasporto di persone con ridotta capacità motoria,  la Convenzione con il Comune di Senigallia  e Cooperativa Adriatica per la realizzazione del progetto “Ausilio alla Spesa” per anziani, l’accordo di collaborazione con il Comune di Senigallia per la realizzazione del progetto “Vicini di Casa” (Telefono Amico  e Filo D’Argento) Sede di Marzocca di Senigallia, lapresenza settimanale di volontari Auser presso la residenza Protetta di via Cellini,il progetto Centro Donne Amiche, il progetto Estati Solidali (disabili in vacanza)  in collaborazione con la consulta di Volontariato, il servizio a favore del “Centro Primavera” di Senigallia e la partecipazione al progetto del Comune di Senigallia Mobility Game.
Nel 2012  l’Auser assieme all’Anteas, l’altra associazione di volontariato, dispone di quattro mezzi di trasporto.
Nel corso degli ultimi anni nasce la collaborazione con la Casa Protetta per gli Anziani, oggi Fondazione Città di Senigallia.
Per il decimo anno di attività il sodalizio vuole festeggiare al meglio: con i fondi ricavati dal 5×1000 e con il contributo dell’Auser provinciale è stato acquistato un mezzo attrezzato per donarlo in comodato d’uso gratuito con apposita convenzione  alla Fondazione Città di Senigallia.

L’appuntamento è dunque per  giovedì 8 novembre per festeggiare assieme alle 15.30 con ospiti e familiari

Due nuove camere grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi. La Fondazione Città di Senigallia, Ente proprietario della casa protetta di via Cellini, vuole così ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi per l’importante contributo, ben 12.000 euro, erogato al fine dell’acquisto di due arredi completi per altrettante camere della struttura di accoglienza per gli anziani. Si tratta diarredi dell’ultima generazione con particolare attenzione al letto con tecnologia avanzata per il massimo comfort e dotati, ad esempio, del cosiddetto sistema MIS ovvero Micro Stimulation System basato sul concetto della stimolazione basale, sia attiva sia passiva, in grado di distribuire la pressione corporea esercitata dal paziente e aumentando i punti di contatto con la superficie.

Con questa operazione di rinnovo le camere sono state concepite con due posti letto. Un ulteriore passo della Fondazione Città di Senigallia nel rinnovo funzionale e strutturale del presidio di via Cellini.

“In tempi difficili e delicati come quelli odierni abbiamo deciso di ridurre la retta”. Con queste parole Michelangelo Guzzonato, presidente della Fondazione Città di Senigallia, rende nota la prima delibera del 2013 del consiglio dell’Ente con la quale ha deciso di diminuire di 300 euro annui la retta della residenza protetta di via Cellini.

Riduzione già operativa con  l’inizio del nuovo anno e comunicata ai familiari di tutti gli ospiti che siano, quindi, convenzionati o meno. Come da “tradizione” in Italia le prime settimane di gennaio portano con se aumenti generalizzati gravando sulle famiglie, in questo particolare periodo di congiuntura economica è indubbio che gli aumenti pesino ancora di più. E proprio su queste considerazioni che il Consiglio dell’Ente ha raggiunto tale decisione.  – sottolinea il presidente Guzzonato –in contrasto con quanto deciso dalla maggior parte delle Residenze Protette presenti nel territorio e benché costituisca un notevole aggravio sul bilancio dell’Ente, è stata presa dal Consiglio di Amministrazione nella convinzione che le preminenti esigenze di bilancio, almeno per quest’anno, possano essere parzialmente derogate a fronte della volontà di fornire un concreto sostegno ai nostri ospiti, alle loro famiglie e quindi alla Città“.

Fondazione Città di Senigallia, un tempo conosciuta come “Casa Protetta per Anziani – Ex Irab”, occupa un ruolo importante nel tessuto sociale di Senigallia. L’Ente oltre alla valorizzazione del patrimonio disponibile focalizza l’attenzione  nei confronti delle classi più deboli, della cultura e del lavoro.